Come fare il fritto di paranza

dicembre 17 2015

ricetta fritto frittura paranza

Ingredienti:

Paranza

Olio per friggere

Farina di grano duro rimacinata

Limone

Sale

Le ricette a base di pesce sono molte ma tra tutte il fritto di paranza ha sicuramente un posto speciale sia perchè la sua preparazione è piuttosto semplice sia perchè, se il pesce è fresco, il suo sapore ha pochi eguali!

Il fritto di paranza è una semplice frittura a base di pesce di piccolo taglio particolarmente diffusa nella zona italiana del Mar Tirreno. Prende il suo nome dalla tipica imbarcazione usata per la pesca a strascico comunemente impiegata dalle marinerie italiane.

I classici pesci che compongono la paranza sono merluzzetti, triglie, sogliolette e suace ma ci possono essere anche altre varietà, sempre di piccolo taglio come le alici, i mazzoni o retunni.

Un’altra nota a favore di questo splendido piatto poi è anche il prezzo, sicuramente più basso rispetto agli altri pesci che si trovano sui banchi delle pescherie.

Il fritto di paranza può essere usato sia come appetitoso antipasto sia come secondo di pesce e se vi piace ricordatevi sempre di accompagnare il vostro piatto con una bella fetta di limone che andrà spremuto prima di iniziare a mangiare!

Veniamo quindi alla preparazione. Pulite i pesci sotto l’acqua togliendo interiora e quant’altro oppure chiedetelo direttamente al vostro pescivendolo ma comunque una volta a casa i pesci andranno comunque lavati nuovamente sotto acqua corrente. Una volta fatto dividete i pesci per tipo e prendete la farina oppure, ancora meglio, la farina di grano duro rimacinata e iniziate ad infarinare. Potete utilizzare il classico metodo del piatto oppure infilare i pesci in un  sacchetto alimentare con la farina e sbattere il tutto fino a quando non saranno ben sporcati; in questo secondo caso però sbatteteli un pò per eliminare la farina in eccesso. Lasciate il pesce infarinato alcuni minuti  a riposo in modo che si impregni per bene e iniziate a scaldare l’olio.

In una friggitrice o in una pentola capiente scaldate l’olio e una volta portato alla giusta temperatura iniziate a friggere la paranza. Fate attenzione che non si bruci ma diventi dorata e croccante e a mano a mano che cuocete il pesce adagiatelo su della carta paglia o carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso. Salate a piacere.

Servite a tavola in un bel vassoio e accompagnate con spicchi di limone e guarnite con del prezzemolo.