Cous Cous, un piatto internazionale rivisitato in chiave israeliana

ottobre 20 2012

Il cous cous è un piatto tipico della cucina del Nordafrica e della Sicilia occidentale. Costituito da granelli di semola (grano duro macinato) cotti a vapore, in alcune zone viene preparato anche con l’orzo o con il miglio. Negli ultimi anni, però, questo piatto ha aumentato la sua geografia, arrivando anche in luoghi diversi rispetto al Maghreb e alla Sicilia.

Le ricette per il cous cous sono molto diverse tra loro e cambiano di regione in regione. In Marocco, in Libia e in Sicilia, il cous cous di pesce è uno dei piatti più amati.

A Trapani c’è un’accurata preparazione per questa pietanza che prevede: scorfano (rosso e nero), vopa, gallinella, luvaro e pesce San Pietro.

Sempre in Marocco, troviamo anche il cous cous di verdure, composto fra le altre da rape e carote, che vengono lessate in un brodo, arricchito con alcuni pezzi di carne. Carne presente anche in Tunisia, in Algeria e nello stesso Marocco, dove il cous cous di pollo è piatto molto gradito dalla popolazione locale. Una gustosa ricetta per il cous cous di carne prevede anche l’utilizzo dell’agnello o del montone.

Un’altra versione è il cous cous israeliano che è formato da grani molto grandi. Si dice che questa particolare tipologia si sia diffusa in seguito all’indipendenza di Israele, quando il nuovo Stato ha dovuto far fronte all’ondata di immigrati provenienti dal vicino Oriente.