Il Digiuno del 10 di Tevet

dicembre 12 2013

digiuno 10 di tevet assedio gerusalemme

Il Digiuno del 10 di Tevet cade appunto il decimo giorno di questo mese del calendario ebraico e ricorda l’inizio dell’assedio di Nabucodonosor, re di Babilonia, che avrebbe portato poi alla presa di Gerusalemme e alla distruzione del primo Tempio nel 586 a.e.v. Trenta mesi dopo l’assedio infatti, nel 9 di Tammùz entrarono nella città e, nel 9 di Av dello stesso anno, il Tempio di Gerusalemme fu distrutto.

Il 10 di Tevet è un giorno di digiuno, lutto e pentimento in cui non si deve ne bere ne mangiare dall’alba al tramonto e proprio per la sua durata è ritenuto uno dei digiuni parziali. Alle preghiere che si fanno durante la giornata si aggiungono le selichòt, preghiere penitenziali e altre aggiunte alle preghiere del giorno.

Essendo un digiuno che non è stato mai molto sentito e osservato il Rabbinato Israeliano decise di designarlo come “Yom ha Kaddish ha kelali”, « giorno di Kaddish generale », per ricordare tutte le vittime della Shoah e soprattutto quelle la cui data di morte e luogo di sepoltura sono rimaste sconosciute.

Quest’anno il digiuno del 10 di Tevet cade di venerdì e terminerà dopo l’uscita delle tre stelle e si potrà rompere solo dopo aver recitato il kiddush.