La mishmarà

luglio 14 2015

dolci ebraici mishmarà

La Mishmarà, veglia di studio, Limud, è un’antica usanza della Comunità Ebraica di Roma, come di altre Comunità, e consiste nel riunirsi alla vigilia della circoncisione, del Bar e Bat Mitzvà, del matrimonio e di tutte le nozze,  per leggere e studiare passi biblici e composizioni liturgiche da un apposito formulario.

Una riunione gioiosa e allegra dove è usanza mangiare dolci tipici come la pizza ebraica e i biscottini.

Nella Comunità Ebraica di Roma la Mishmarà aveva luogo anche la settima sera di Pesach, la Pasqua Ebraica, per ricordare il miracoloso passaggio del Mar Rosso, durante la fuga dall’Egitto degli ebrei. Altre riunioni speciali vengono fatte la prima sera di Shavuot, festa che ricorda la promulgazione dei Dieci Comandamenti e la presentazione appunto delle primizie al Santuario di Gerusalemme; la sera di Hoshannà Rabbà (settimo giorno di Sukkot in cui si fanno sette giri intorno alla Tevà della sinagoga con il lulav e si recitano delle preghiere agitando dei rami di salice che alla fine vengono battuti per terra), per chiedere al Signore, un nuovo anno felice e prospero;  la sera di Tu Bishvat o Capodanno degli alberi, per per ringraziare della fecondità della terra e come augurio per il nuovo raccolto.